Rondinelle vegane.

Fare i biscotti è un po’ come mandare un messaggio d’amore. E le mie rondinelle vegane possono volare molto lontane!

Pensate a tutte le volte che li avete impastati alla sera o alla mattina prestissimo per la colazione dei ragazzi, o li avete confezionati con delicatezza per portarli ad un’amica, o addirittura, li avete spediti lontani, ad una persona cara, assieme ad un biglietto pieno d’amore. Queste rondinelle vegane possono volare molto in alto, superando tutti i limiti delle zone gialle, arancioni e rosse. Quel semplice gesto d’impastare, infornare e magari decorare è un alfabeto d’amore: non avete mai preparato dei biscotti per chiedere scusa? Beh, io sì!

Ed ecco qui la ricetta di questi biscotti veramente facilissimi, che vi sorprenderanno sotto tutti i punti di vista:

  • senza zucchero, burro e uova
  • croccanti da svenire
  • personalizzabili in mille modi

Gli INGREDIENTI BASE (da avere sempre in dispensa) sono solo 4:

  • 200 gr farina grezza (semi integrale, integrale, tipo 1, farro, anche un mix sarà perfetto)
  • 100 gr malto di riso
  • 80 olio di semi di girasole
  • 1 cucchiaino da caffè di bicarbonato
ingredienti per rondinelle vegane

VARIANTI.

In questa ricetta ho aggiunto la scorza grattugiata di un’arancia, dato che sono di stagione, ma può andare bene anche la classica scorzetta di limone. Vi scrivo sotto qualche ispirazione, ma lasciatevi guidare anche dalla vostra creatività, che è la cosa più bella!

  • 2 cucchiai di spezie miste per pan pepato o semplicemente cannella
  • gocce di cioccolato, nocciole e cannella
  • scorza di limone e rosmarino tritato
  • cacao (un paio di cucchiai da setacciare assieme alla farina) e anacardi

PROCEDIMENTO.

Queste rondinelle vegane sono di facilissima esecuzione, ma ci sono 2 PASSAGGI FONDAMENTALI che non si possono omettere:

  • setacciare la farina assieme al bicarbonato prima di aggiungere gli altri ingredienti
  • amalgamare l’olio alla farina prima di aggiungere il malto

Quindi:

  • pesate la farina, setacciatela assieme al bicarbonato e versatela sul piano da lavoro
  • aggiungete l’olio e incorporatelo alla farina aiutandovi con una forchetta (risulterà un composto granuloso, come nella foto sotto)
  • aggiungete la scorza d’arancia o altri ingredienti a vostra scelta
  • aggiungete il malto per dolcificare
  • IMPASTATE dapprima aiutandovi con una forchetta e poi con le mani, fino ad ottenere una palla liscia (eventualmente aggiungete poca farina per aiutarvi, ma vedrete che in un attimo avrete impastato!)
ingredienti per rondinelle vegane

La CONSISTENZA di questo impasto è un po’ tenerella (diversa da quella di una normale frolla).

Il modo più semplice per ottenere dei biscottini è staccare delle piccole quantità d’impasto, fare una pallina con le mani, appoggiarla sulla teglia preparata con la carta da forno e schiacciarla un po’ in modo che si appiattisca. Lasciate un po’ di spazio tra una pallina e l’altra, perché in cottura diventeranno un po’ ciccione!

USARE LE FORMINE.

Se invece volete usare le formine, potrebbe essere utile lasciare per qualche tempo l’impasto in frigorifero. Spolverate leggermente di farina il piano di lavoro e stendete l’impasto col mattarello.

Mi raccomando la sfoglia non dev’essere troppo fina, altrimenti avrete difficoltà a girarla e a staccare le formine: almeno mezzo centimetro!

Ritagliate le formine e delicatamente staccatele per deporle sulla teglia. Lasciate un certo spazio tra l’una e l’altra perché in cottura si gonfieranno parecchio 🙂

CONSIGLIO!

Non fate subito una sfoglia con tutto l’impasto! Dividetela magari in 3 e procedete per gradi!

stesura frolla
come ritagliare l'impasto per creare le rondinelle vegane

COTTURA.

Forno pre-riscaldato a 180 gradi per 18-20 minuti.

Ogni forno ha le sue caratteristiche, quindi sperimentate un po'! Il risultato finale dovrà comunque essere quello di un biscotto croccante dalla consistenza particolarissima. Io l’adoro e vi invito davvero a provarlo! NON SOSTITUITE il malto con zucchero in cristalli o miele, perché non otterrete lo stesso risultato.

come cuocere le rondinelle vegane

CONSERVAZIONE.

Se dovessero superare le 24 ore 🙂 questi biscotti si conservano benissimo in una biscottiera (avete visto la nostra “Marti”?)

come servire le rondinelle vegane

DECORAZIONE.

Avendo in mente la Pasqua, ho pensato di decorare le rondinelle con una semplicissima glassa di zucchero a velo e succo di limone e un po’ di zucchero in granella. Per preparare la glassa usate mezza bustina di zucchero al velo o q.b. e aggiungete gradatamente del succo di limone, fino a raggiungere la giusta consistenza cremosa. Potete poi applicare la glassa sui biscotti aiutandovi con una spatolina o coltello a punta tonda.  Se volete una glassa dal tono delicatamente rosato, anziché limone aggiungete il succo di arancia rossa (sempre gradatamente!). Depositate la granella di zucchero quando la glassa è ancora morbida, così poi non si staccherà dalla superficie. Et voilà, cosa ne dite?

 

biscotti nella teglia

Io me li immagino già sulla tavola della colazione di Pasqua, sistemati su di un bel piatto, con attorno una ghirlanda di fiori semplicissimi (io ho usato del velo di sposa!) o di rametti d’ulivo. Cosa ne pensate? Aggiungere qualche dettaglio botanico alla tavola porta sempre bellezza e serenità!

Quest'anno la mia palette pasquale sarà molto chiara e delicata, arricchita dal verde puro di qualche giovane tralcio e da tenui sfumature di rosa (i ranuncoli sono perfetti e anche quella tazza Melissa rosa che non ho ancora deciso se mettere in produzione oppure no!). I piccoli vasi "Flor" rimangono però i miei preferiti...basta solo qualche stelo e la tavola diventa poesia (poi sono piccolini e staranno benissimo in ogni punto!).

creare un centro tavola con le rondinelle vegane e dei fiori
mise en place verticale

Come sempre, vi suggerisco delle mise en place leggere, realizzate con stoviglie vintage e fatte a mano, che raccontino storie e riaccendano dolci memorie. A noi la tavola piace sempre ribelle, in sintonia con le stagioni, ma anche con i moti della nostra anima. Tutto sarà perfetto per il semplice fatto che lo avete deciso voi!

mise en place pasquale

Se invece intendete regalarli, procuratevi una semplice scatolina di cartone e decoratela con dei timbri (avete mai provato quelli fatti a mano da Lucia Locatelli? Sono bellissimi!). Mettete della carta forno (stropicciatela prima!) nella scatolina e poi sistemate i biscottini all'interno (dopo che la glassa si sarà indurita a sufficienza). Regalare biscotti mi riempie di gioia, in ogni stagione e quindi non m'importa che sia Pasqua o Natale. Prendersi del tempo per fare l'impasto (magari la sera prima, che tutti gli impasti vengono meglio se lasciati riposare!), preparare i biscotti, lasciare che si raffreddino e poi pensare ad un modo carino per confezionarli....ecco, secondo me, sarà sempre un regalo bellissimo!

regalare biscotti

Allora non mi resta che augurare a tutti una Pasqua di luce, che ci traghetti fuori da questi tempi incerti. Per il momento tenetevi il mio abbraccio dal bosco, provate la ricetta e fatemi sapere! Ciao!

Giodivisore

Posted in Cose dolci, La tavola ribelle, Le nostre ricette, Uncategorized and tagged , , , , , , , , , , , , .

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *